Login

La scrittura e il futuro del copywriting

Come sta cambiando la comunicazione con l'avvento del digitale?

La scrittura: Voltaire amava definirla la pittura della voce.

Parliamo senza dubbio della grande evoluzione dell’umanità nell’ambito dei sistemi di comunicazione, grazie a cui vaste quantità di informazioni dimorano nel tempo vestendosi di segni e non solo più di suoni.

E dall’invenzione della stampa a caratteri mobili in poi assistiamo a una trasformazione anche dal punto di vista culturale, che ha fatto della scrittura la matrice dello sviluppo di altre tecnologie di massa, dalla radio alla TV, fino ad arrivare alla nostra realtà digitale.

La parola stampata è stata per secoli il vero medium di massa. Una storia che abbraccia significati e approcci diversi e che ancora oggi continua a subire mutamenti.

Questo, ad esempio, si evince bene in ambito pubblicitario, dove l’avvento del digitale ha dotato la scrittura di una reperibilità senza limiti.

Oggi un copywriter sa bene che non può pensare solo in funzione di spot televisivi o di messaggi radiofonici; dovrà farlo ampliando la considerazione ai social, blog, siti web e App.

Deve essere un comunicatore capace di adattarsi a un’infinità di canali diversi.
Ed è sulla base di questa svolta ulteriore che ho iniziato a pensare al messaggio pubblicitario tradizionale come il Medioevo del marketing.
Proprio come nell’età di mezzo, durante cui, malgrado i già numerosi testi scritti, l’oralità faceva della capacità mnemonica il fulcro nella trasmissione di un messaggio, così le grandi campagne del passato hanno sempre puntato sulla memorizzazione di uno slogan, di un tormentone, ponendo il prodotto come unico protagonista del contenuto.
Oggi, invece, non basta solo un contenuto ben scritto o un tormentone ben studiato.
Ciò che conta è una narrazione capace di trasmettere un valore
, dando quindi alla scrittura non solo una forma descrittiva ma soprattutto suggestiva.

Mi chiedo, allora: “Come è cambiato il lavoro e l’approccio e come sarà il copywriter del futuro?”

Ho voluto porre questa stessa domanda a Bruno Ballardini, copywriter, esperto di comunicazione strategica, saggista, nonché un vero maestro.

“Il futuro del copywriting? È un mestiere che ha ancora un grande futuro, se non altro perché il copy continuerà a definire le strategie, come ha sempre fatto, prima ancora di scrivere testi per il cliente. E nel frattempo la pubblicità sarà cambiata diverse volte. Oggi stiamo per assistere alla seconda crisi pubblicitaria, dopo quella che negli anni 90 azzerò la professione. Allora i copy, per sopravvivere, dovettero accettare di ampliare il loro armamentario professionale con nuove specializzazioni come ad esempio il naming, o i testi per il web. Oggi stiamo per assistere ad una nuova trasformazione del mestiere. È dovuta alla saturazione delle tecniche per l’indicizzazione delle pagine web, SEO, ecc. Cominciano a non aver più molta efficacia, per il solo fatto che sono impiegate da tutti e quindi nessuno in queste condizioni è più in grado di assicurarsi un vantaggio competitivo rispetto agli altri.”

E se fosse proprio questo massiccio flusso di informazioni che oggi rende la scrittura digitale meno incisiva e soprattutto piatta?
I copywriter di oggi scrivono sapendo di intrecciare l’aspetto creativo con i fili intricati dei motori di ricerca.
Tutto ruota intorno a una ambivalenza del messaggio finale, reso tale da una continua contaminazione tra online e offline, tra concorrenziale e non.
Per non parlare delle dinamiche social che vanno definendo nuovi stili e nuovi modi di interazione. Quindi cosa fare?

“Occorrono nuovi approcci”, Suggerisce Ballardini. “E quindi ecco il futuro, è già arrivato: si chiama transmedialità.
Da adesso in poi, non si tratterà più di scrivere per un media o per un altro ma di creare concetti di comunicazione strategica che possano essere comunicati attraverso il gioco degli ingranaggi di dispositivi creati ad hoc, con un mix ogni volta diverso dei media utilizzati , tradizionali e new media.”

L’advertising classico deve fare quindi i conti con una diversificazione degli investimenti ed essere al passo con i tempi.
Sappiamo che uno dei compiti del copywriter è quello di creare slogan, elemento che spiega bene come le sorti del messaggio aziendale siano connesse alle sempre nuove priorità dei consumatori e alla cultura del momento.
Ma oggi aumentare la consapevolezza di un marchio al fine di accompagnare una persona a fare una determinata scelta o a compiere un’azione particolare, non dipende solo da una padronanza linguistica ma anche dal miglioramento di competenze in grado di sopravvivere in un mondo artificioso.
Parlare ancora di scrittura persuasiva è riduttivo.

“Il copywriter, oltre a saper scrivere in modo adatto a ciascuno dei media impiegati, dovrà avere le doti di un vero e proprio “orchestratore”. Nessuno meglio di lui può conoscere e arrivare a gestire la diversità e la specificità dei media in un’unica strategia di comunicazione.”

Un’orchestratore, quindi, consapevole di un linguaggio digitale proprio di una società sempre connessa che dà indicazioni e allo stesso tempo subisce.
Il tradizionale creativo d’agenzia sta lasciando il posto all’online copywriter.
Una contaminazione che segna una linea di confine con un nuovo modo di veicolare i dati oggi, attraverso sviluppi e parole nuove in vista di una intelligenza artificiale che, in un futuro non molto lontano, toglierà a noi il privilegio di raccontare.

Settembre 13, 2019


Generazione Vincente Academy s.r.l. C.F./P.IVA: 04925701213
CCIAA: NA722509
Capitale i.v.: € 50.000

Centro Direzionale Napoli, Is. E1
0815824911
info@geviacademy.it

Politica Aziendale

AUTORIZZAZIONI

Autorizzazione MinisterialeEnte autorizzato dal Ministero del Lavoro e accreditato dalla Regione Campania


Ente Accreditato FormatempEnte accreditato dal fondo Forma.temp


Ente Accreditato Eipass Ente accreditato Eipass


 

top
Gevi Academy Copyright @ 2020 Web and design powered by Skillapp – Web Agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi