Login

Evasione fiscale in Francia – Algoritmi sui social per arginare il fenomeno

La paura che incombe tra i contribuenti che hanno un profilo social

Evasione fiscale in Francia – controlli anche sui social netwrok

Evasione fiscale in Francia. Le manovre di bilancio presentano sempre novità interessanti ma ciò che sta accadendo in Francia potrebbe destare preoccupazioni a chi evade il fisco e possiede un profilo social. Stiamo parlando infatti della nuova norma 154 che è stata inserita nella Legge di bilancio 2020 in Francia. Tale norma infatti consentirebbe all’Agenzia delle Entrate di fare uso di sofisticati algoritmi per scansionare i social media proprio per rilevare eventuali anomalie fiscali. Ad annunciare la novità è stato il ministro dei Conti pubblici Gèrald Darmanin sul suo profilo Twitter.

darmanin

Il controllo sui post pubblicati dagli utenti

In seguito all’emanazione della norma, i funzionari doganali e fiscali sono autorizzati a revisionare qualsiasi tipo di contenuto pubblicato sui profili social e utilizzarli come prove per redditi non dichiarati. La novità ha suscitato un certo clamore in Francia. In Italia esiste qualcosa di simile già dal 2016.

Controlli Agenzia delle Entrate: ecco chi rischia

Il ministro Darminin ha rilasciato alcune dichiarazoni al quotidiano francese Le Figaro, attraverso il quale afferma che i social possono essere uno strumento aggiuntivo per la lotta all’evasione fiscale. Ecco le sue dichiarazioni:

“Se dici che non sei residente fiscale in Francia ma continui a pubblicare foto su Instagram dalla Francia, potrebbe esserci un problema”.

La novità sta destando notevoli preoccupazioni nei confronti dei gruppi a difesa dei diritti e dei consumatori. Anche l’autorità francese per la protezione dei dati personali non sembra aver accolto con entusiasmo la notizia.

La situazione in Italia

In Italia la lotta all’evasione fiscale è già cominciata da qualche anno. Tuttavia non tutti sono a conoscenza degli strumenti di cui si serve l’Agenzia delle entrate per esercitare i controlli sui contribuenti. Infatti, come indicato nella circolare n.16/E del 28 aprile 2016, l’Agenzia delle entrate può attingere informazioni sono solo dalle da banche dati ma anche ad altre fonti, comprese quelle definite “aperte”. Con queste si intendono articoli di giornale, siti internet, social network, tutto ciò che occorre per rilevare eventuali incongruenze tra le dichiarazioni riportate al fisco e la vita mostrata su Facebook o Instagram.

I Social utilizzati come prove per il divorzio

Non è quindi una novità che in Italia i social vengano utilizzati per esercitare controlli sugli utenti. L’Agenzia delle entrate e la Guardia di Finanza infatti, hanno il diritto di utilizzare i social network non solo per rilevare i casi di evasione fiscale ma anche per ottenere delle dimostrazione utili in caso di divorzio. Supponiamo ad esempio il caso in cui quando il coniuge si rifiuta di pagare il mantenimento perché dichiara difficoltà finanziarie. Il rischio sarebbe elevato se si scoprisse che il tenore di vita esibito sui social non corrisponda a quanto dichiarato dinanzi al giudice.

Differenze tra Francia e Italia

I controlli su Facebook e Instagram non avvengono allo stesso modo in Italia e in Francia. La differenza principale risiede proprio nell’uso di algoritmi e big data di cui si servirà il governo francese per mettere in atto i controlli fiscali sugli utenti. Si tratta di un tipo di indagine investigativa che avverrà quindi automatico attraverso la scansione dei canali social. In Italia invece i social sono considerati semplicemente come uno strumento di supporto a indagini già avviate per rilevare eventuali anomalie e contraddizioni dichiarate dagli utenti.



Generazione Vincente Academy s.r.l. C.F./P.IVA: 04925701213
CCIAA: NA722509
Capitale i.v.: € 50.000

Centro Direzionale Napoli, Is. E1
0815824911
info@geviacademy.it

Politica Aziendale

AUTORIZZAZIONI

Autorizzazione MinisterialeEnte autorizzato dal Ministero del Lavoro e accreditato dalla Regione Campania


Ente Accreditato FormatempEnte accreditato dal fondo Forma.temp


Ente Accreditato Eipass Ente accreditato Eipass


 

top
Gevi Academy Copyright @ 2020 Web and design powered by Skillapp – Web Agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi