Login

Aggiornamento Facebook: disponibile la funzione di formattazione del testo

A breve la funzione sarà disponibile in tutte le pagine aziendali

Aggiornamento Facebook. Il social network più popolare al mondo non va in vacanza. Da qualche giorno è stata introdotta una funzione molto utile soprattutto se ti occupi di giornalismo e copywriting. Stiamo parlando della formattazione del testo, ovvero della possibilità di inserire titoli, sottotitoli, elenchi puntati e citazioni nei copy dei tuoi post.

Aggiornamento Facebook. La nuova funzione era già disponibile nella sezione Gruppi

La formattazione del testo su Facebook era già attiva dal mese di Febbraio nella sezione dei Gruppi. Gli amministratori infatti potevano scrivere copy personalizzati cambiando il font, usando parole in corsivo o in grassetto, elenchi puntati e così via. Da qualche giorno la funzione è disponibile anche nel Feed. L’aspetto visivo dei post in questo modo cambia radicalmente. La novità più rilevante riguarda la possibilità di inserire le tipiche funzionalità di WordPress all’interno dei copy, ovvero i titoli (H1) e i sottotitoli (H2). È probabile quindi che gli sviluppatori abbiano voluto testare l’efficacia della funzione all’interno dei gruppi, prima di renderla disponibile a tutti gli utenti nel Feed.

Aggiornamento Facebook. Cambiano anche le logiche dell’algoritmo

La formattazione del testo al momento non è visibile a tutti ma sarà presto disponibile in tutte le pagine aziendali e nei profili privati. È molto probabile che a breve l’algoritmo darà maggiore visibilità ai post che integrano questa funzione. Un post comprensivo di titoli e sottotitoli e con un copy leggermente più lungo della media dovrebbe anche favorire un buon numero di interazioni. Infatti il rapporto interazioni/copertura (tasso di engagement) può solo migliorare se la formattazione è usata correttamente.

L’esigenza di scrivere copy con testi più lunghi

Cosa sta succedendo quindi? I post con poco testo stanno lasciando spazio a quelli con i copy più lunghi?
Di certo questa novità rappresenta un grande vantaggio per chi lavora nel campo dell’editoria ma non solo. Un post con una formattazione persuasiva può rientrare in una strategia di marketing mirata e diventa un mini articolo all’interno del quale è possibile inserire le informazioni rilevanti. L’inserimento di titoli e sottotitoli fa intendere che Facebook, a differenza di quanto accadeva in passato, sta cominciando ad apprezzare il long form content, ovvero la strategia adottata dai giornalisti per migliorare il posizionamento (SEO) dei loro articoli della SERP del motore di ricerca.

Il long form content per Facebook

L’algoritmo di Google favorisce il ranking degli articoli che hanno una buona lunghezza di testo (lunghi ma non prolissi) in cui sono presenti anche un buon numero di backlink .
Un articolo scritto con la tecnica del long form contiene tutte le informazioni rilevanti, è più lungo della media (di 1.000 o 20.000 parole) ma la lettura è scorrevole e favorisce un buon numero di interazioni. La formattazione su Facebook quindi potrebbe essere un segnale importante di come il long form potrebbe rientrare tra le nuove strategie da utilizzare anche sui social.

Resta su Facebook, non andare via!

Quale potrebbe essere il motivo per cui Facebook inserisce la formattazione di testo nei post? La presenza della formattazione induce automaticamente a scrivere una quantità di testo maggiore e inserire in unico post tutte le informazioni rilevanti. È probabile che Facebook voglia spingere gli utenti (in particolar modo coloro che lavorano nel campo dell’editoria) ad abbandonare la pubblicazione degli articoli al di fuori di Facebook. Potrebbe essere quindi una strategia per invitare gli utenti a restare su Facebook.

Gli Instant Articles per evitare l’abbandono da Facebook

La formattazione potrebbe anche essere integrata con gli Instant articles, ovvero quegli articoli presenti all’interno della piattaforma. Gli instant articles si aprono all’interno dell’APP di Facebook e non in nuove finestre del browser. Hanno il grande vantaggio di essere 10 volte più veloci di una qualsiasi pagina web e di consentire l’apertura immediata dell’articolo.
Gli Instant articles si creano all’interno della pagine aziendali e consentono un grande numero di interazioni. In più offrono anche la possibilità di monetizzare attraverso l’inserimento di banner pubblicitari. Non è difficile immaginare che anche gli Instant Articles, in associazione con le funzioni di formattazione del testo, nascono per evitare l’abbandono da Facebook.

L’editoria quindi è destinata a fare riferimento esclusivamente a Facebook per il futuro? Noi crediamo di no, l’editoria avrà ancora bisogno di un sito con articoli indicizzati per la SEO, ma di sicuro aumenteranno gli utenti che faranno uso delle funzioni sopra descritte.



Generazione Vincente Academy s.r.l. C.F./P.IVA: 04925701213
CCIAA: NA722509
Capitale i.v.: € 50.000

Centro Direzionale Napoli, Is. E1
0815824911
info@geviacademy.it

Politica Aziendale

AUTORIZZAZIONI

Autorizzazione MinisterialeEnte autorizzato dal Ministero del Lavoro e accreditato dalla Regione Campania


Ente Accreditato FormatempEnte accreditato dal fondo Forma.temp


Ente Accreditato Eipass Ente accreditato Eipass


 

top
Gevi Academy Copyright @ 2020 Web and design powered by Skillapp – Web Agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi